Il virus Marburg: minaccia di una nuova epidemia

Il virus Marburg è stato rilevato per la prima volta nel 1967. Mentre un primo caso di malattia da virus di Marburg è recentemente stato registrato in Africa occidentale, in Guinea più precisamente, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha quindi ritenuto la minaccia "alta" a livello nazionale e regionale.

Come si trasmette il virus?

La malattia da virus di Marburg viene trasmessa all'uomo dai pipistrelli della frutta. Le persone infette rimangono contagiose finché il virus è nel loro sangue. La trasmissione avviene quindi principalmente da uomo a uomo e deriva dal contatto diretto con sangue, secrezioni, organi o fluidi corporei di persone infette, o con superfici e materiali, come fogli o indumenti, contaminati da questi liquidi. Anche le cerimonie di sepoltura in cui c'è un contatto diretto con il corpo del defunto possono aiutare a diffondere la malattia da virus di Marburg.

Quali sono i sintomi?

Il periodo d'incubazione varia da 2 a 21 giorni. La malattia inizia improvvisamente, con febbre alta, forte mal di testa - dolore in una parte della testa, compreso il cranio, la parte superiore del collo, il viso e l'interno della testa - e possibile malessere. I sintomi poi peggiorano. Il terzo giorno possono comparire diarrea acquosa abbondante, dolore addominale e crampi, nausea e vomito.

La diarrea può persistere per una settimana. L'OMS spiega che i pazienti in questa fase sono spesso descritti come aventi l'aspetto di "fantasmi", con occhi infossati, volti inespressivi ed estrema letargia. Molti pazienti sviluppano gravi manifestazioni emorragiche tra il quinto e il settimo giorno e i casi fatali di solito si presentano con sanguinamento in una forma o nell'altra, il più delle volte con più sedi. L'osservazione di sangue fresco nel vomito o nelle feci è spesso accompagnata da sanguinamento dal naso, dalle gengive e dalla vagina.

Durante la fase intensa della malattia persiste una febbre alta. I danni al sistema nervoso centrale possono portare a confusione, irritabilità e aggressività. L'orchite (infiammazione di uno o entrambi i testicoli) è stata talvolta segnalata nella fase avanzata della malattia (15 giorni). Il tasso medio di mortalità, ovvero la proporzione di decessi, per la malattia da virus di Marburg è di circa il 50%.